Alessandro Verdi: navigare l'incertezza

Evento collaterale della 53. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia

In occasione della 53. Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia
Fondazione Mudima presenta:
Alessandro Verdi: navigare l’incertezza a cura di Achille Bonito Oliva

L’ultima serie di lavori di Alessandro Verdi sarà oggetto di una mostra curata da Achille Bonito Oliva per gli Eventi Collaterali della prossima Biennale di Venezia, con inaugurazione a Venezia giovedì 4 giugno 2009 nello spazio espositivo di Campo della Tana, Castello 2126/A, proprio di fronte all’entrata dell’Arsenale.
L’incertezza a cui fa riferimento il titolo della mostra allude alla capacità fulminea dell’artista di passare dal registro elegiaco a quello tragico, dal dolore dell’esistenza all’anelito del divino, dalla sensualità delle forme alla purezza dei contenuti.
La tecnica e le tinte fonde usate per questo nuovo e inedito ciclo di opere su tela si alleano a questa apertura di significati: la sua pittura si appoggia a un tratto spontaneo, sensuale e raffinato, memore della tradizione calligrafica giapponese, ma mostra al contempo un’energia incontaminata e talvolta brutale, una sensualità sfrenata, quella tensione interna che è divenuta tipica della sua arte. Il colore e la sua consistenza, dagli sfumati fino alle masse di materia pittorica, evocano tale tensione e le forme e le atmosfere sono come apparizioni notturne ammantate d’ombra. Anche lo spazio che circonda le figure diviene non misurabile e inafferrabile, incerto: è un campo multidirezionale, fluido, che ribalta e schiaccia i soggetti in primo piano, impietosamente offerti allo sguardo del pubblico.
Come nota il curatore della mostra Achille Bonito Oliva: “La ricerca di Verdi è volta a rinvenire e fissare tracce di esistenza allo stato puro, senza le superfetazioni imposte dalla società, al di là di ogni credo o differenza geografica, irradiando all’intorno una fertilissima incertezza che lo previene dalle interpretazioni e dalle posizioni manichee e fa defluire attraverso le metafore del linguaggio la sua incandescente carica eversiva”.
La mostra è stata resa possibile grazie all’intervento di amici e collezionisti di Alessandro Verdi, uniti in questo progetto da un comune senso di mecenatismo. Un catalogo edito per l’occasione, con un intervento critico di Achille Bonito Oliva, illustrerà le opere presenti in mostra.

Alessandro Verdi è nato a Bergamo nel 1960. Vive e lavora a Ambivere.

Apertura al pubblico: dal 7 giugno al 22 novembre 2009
Sede: Arsenale, Campo della Tana, Castello 2126/A – 30122 Venezia
Orari: mercoledì – lunedì; 10.00 – 18.00; chiuso il martedì
La mostra è realizzata da Fondazione Mudima, Milano, in collaborazione con Arte Communications, Venezia.

 

Ufficio stampa: Arte Communications
Tel. +39.041.5264546 Fax +39.041.2769056

pressoffice@artecommunications.com
www.artecommunications.com

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Per maggiori dettagli vai qui Privacy Policy. - Navigandolo Accetti.