Principato di Monaco

Padiglione del Principato di Monaco alla 53. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia

Le ciel regarde la terre

A cura di: Giacomo Zaza
Artista: Philippe Pastor
Commissario: Miria Vicini
Sede: Presidio Militare, Caserma Cornoldi - Riva degli Schiavoni St.re Castello 4140, Venezia
Date: 7 giugno - 22 novembre 2009

Comunicato Stampa

Per la prima volta il Principato di Monaco è presente alla “53. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia”, presso il prestigioso palazzo del Presidio Militare, Caserma Cornoldi in Riva degli Schiavoni.
Per rappresentare il nuovo padiglione, il commissario Miria Vicini e il curatore Giacomo Zaza hanno scelto l’artista monegasco Philippe Pastor con l’importante intervento Le ciel regarde la terre. La mostra espone un nucleo inedito di tre grandi opere pittoriche, realizzate appositamente per l’occasione, e un’installazione con tronchi d’albero bruciati.

La protezione della natura, la rivolta contro la negligenza dell’uomo nei confronti del nostro pianeta, costituiscono i principali temi espressi dall’artista.
Philippe Pastor, attivo da diversi anni sul fronte internazionale oltre che nel sud della Francia, in occasione della Biennale di Venezia ha concepito grandi opere da esporre all’aperto e alle intemperie affinché interagiscano con gli eventi climatici.

monaco

Simili a delle immagini della terra scattate dal satellite, gli imponenti pannelli lignei intitolati Ouragan, Le pole nord, La nature défigurée, sono scanditi come fossero tre atti e sono disposti su rispettive strutture in ferro che ricordano quinte prospettiche di un teatro del mondo. I grandi dipinti (460x310 cm) volgono lo sguardo su una sorta di caos, umano e naturale, diviso secondo alcuni ambiti tematici: natura, Polo Nord, inquinamento.
Le opere inglobano masse di pigmenti naturali provenienti dal Marocco (ocra e marrone, blu, verde), uniti ad elementi naturali (rami, foglie secche, sabbia, ecc.) manipolati e plasmati attraverso il fuoco, l’acqua e l’uso dell’aria compressa. Infatti per mezzo della fiamma ossidrica, dell’acqua e delle terre, Pastor crea una rappresentazione informe del mondo, ricca di rimandi alle forze inattese che attraversano l’esistenza. All’origine della rappresentazione troviamo il suo stato d’animo di fronte ai cambiamenti climatici, alla morte, alle angosce, ai disastri ambientali. Tale inquietudine si incanala nei flussi pittorici che veicola sulle opere.

Il progetto di Philippe Pastor include, inoltre, nell’area angolare dell’atrio, la presenza di un’installazione formata da un gruppo di alti alberi bruciati e reinventati da inserti cromatici, da sezioni di colore gialle, verdi, rosse, realizzate attraverso l’utilizzo di rottami provenienti da luoghi dove sono avvenuti attentati terroristici: Les Arbres Brûlés. Gli alberi-totem provengono dalla foresta di Garde Freinet (Massif des Maures) e, colpiti dalle fiamme di un incendio doloso nel 2003, qui tornano a segnare un percorso, stavolta propiziatorio, rivolto verso il cielo.
Tramite questi tronchi carbonizzati Philippe Pastor persegue il suo impegno a favore del programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e la campagna “Plantons pour la Planète” (“Piantiamo per il Pianeta”). Inoltre con la sua Associazione Arte e Ambiente, alla quale è destinata una parte del ricavato delle vendite delle sue sculture e tutti i fondi raccolti nelle manifestazioni, Pastor partecipa a programmi di rimboschimento e di sensibilizzazione dei bambini ai problemi ambientali.

Giacomo Zaza, curatore della mostra, commenta: “i pannelli della Biennale sembrano svelare tre visioni quasi crudeli e animalesche. Qui prevale una superficie mutabile e incerta, dove l’andamento della materia sul supporto dipende da inquietudini e desideri di denuncia. Guadare la terra dal cielo significa considerare la realtà dall’alto verso il basso, partendo dall’adozione di “strategie della pulsione”, che sappiano procedere dall’animo e dallo spirito discendendo all’interno delle superfici terrose, del pigmento che gronda, della griglia metallica che simbolicamente tutto controlla e tutto regge”.

La creatività di Philippe Pastor, tra pittura monumentale e scultura in legno, prospera in una molteplice varietà di prospettive sotterranee che va oltre gli aspetti fuggevoli della società d’oggi: si apre ad una riflessione sulle questioni della collettività e dell’ambiente, tenendo ben presente il rapporto endogeno con la natura, insieme all’interpretazione simbolica delle cose.

Philippe Pastor ha esposto in numerosi spazi pubblici e privati di prestigio internazionale quali la Modern Art Gallery di Miami (2003) e la sede delle Nazioni Unite di New York (2008).
L’artista, che nel 2007 ha partecipato alla 52. Biennale di Venezia, è presentato in più di dieci gallerie in tutto il mondo.

La mostra è organizzata con l’apporto del Console Onorario del Principato di Monaco Signora Anna Licia Balzan che da anni opera con successo nel campo della promozione dell’arte e della cultura.

L’esposizione è accompagnata da un esaustivo catalogo in inglese, francese e italiano edito da Christian Maretti Editore con testi di Giacomo Zaza.

Coordinate

53. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia
Padiglione del Principato di Monaco

Artista: Philippe Pastor
Titolo mostra: Le ciel regarde la terre
A cura di:  Giacomo Zaza
Commissario: Miria Vicini
Sede: Presidio Militare, Caserma Cornoldi - Riva degli Schiavoni St.re Castello 4140, Venezia
Date: 7 giugno - 22 novembre 2009
Orari: da martedì a domenica 10–18  (chiuso lunedì)
Catalogo: Christian Maretti Editore

Informazioni al pubblico AGG Communication: Nicoletta 327.2071915
 
Ufficio Stampa Irma Bianchi Comunicazione
tel +39 02 89404694 - +39 02 89400732 fax +39 02 8356467
www.irmabianchi.it - info@irmabianchi.it

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Per maggiori dettagli vai qui Privacy Policy. - Navigandolo Accetti.