Warning: getimagesize(images/esposizioni/2004/RichardLong_blue.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.artecommunications.com/home/plugins/content/smartresizer/smartresizer.php on line 468

OPENASIA 2OO4

7. Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni

L'Oriente incontra l'Occidente

1 settembre  –  10 ottobre 2004, Venezia – Lido

OPENASIA 2OO4 7. Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni è il risultato di un dialogo tra Oriente e Occidente che da' voce ad un collettivo di artisti asiatici ed internazionali non solo per incontrare l'attuale ricerca artistica orientale, ma anche l'interesse nutrito dagli artisti occidentali in seno al contesto culturale asiatico.

La mostra, ideata da Paolo De Grandis, che si tiene a Venezia – Lido parallelamente alla 61. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, è organizzata da Arte Communications, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Venezia, e con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, della Regione del Veneto, della Provincia di Venezia, del Comune di Venezia e delle Istituzioni e Ambasciate dei paesi partecipanti.

Curatore ufficiale dell'evento è Chang Tsong-zung, autorevole studioso ed eminente critico di arte cinese contemporanea riconosciuto a livello internazionale.

L'Asia è un vero e proprio universo sociale e umano che sta diventando sempre più vasto e decisivo negli equilibri mondiali. È un mondo globalizzato, in continua espansione, teso ad un processo d'apertura alla realtà occidentale, ad un confronto transculturale basato su di una nuova linea di ricerca e mediazione ideologica. É un paese ricco di storia e tradizioni. La sua cultura e il suo stile di vita sono inevitabilmente presenti nelle creazioni dei suoi artisti, la cui arte non può che avere caratteristiche particolari se non uniche. Così, se gli influssi sono evidenti lo è anche il percorso individuale che ognuno di loro sceglie, da un lato affrancandosi dalla scontata aderenza a temi sociali o problematiche relative all'attualità, dall'altro cercando di individuare nuovi percorsi. La mostra-evento dedicata all'arte contemporanea orientale e alle sue tendenze più innovative, rappresenta un'occasione straordinaria per conoscere talenti emergenti e proporre quelli già affermati e, per scoprire nondimeno, le  interpretazioni inedite ed i risultati formali accattivanti di molti artisti occidentali che nel corso della loro formazione, hanno sviluppato una forte attenzione verso l'antica tradizione figurativa orientale. L'esposizione dunque, non solo propone un'incursione in una realtà culturale specifica, ma mette a fuoco interpretazioni trasversali di una tematica di interesse globale.

L'evento, che porta a Venezia-Lido i fenomeni più interessanti del panorama asiatico ed internazionale, esplora nuove forme di conoscenza e cultura che s'incontrano nel suggestivo spazio offerto dall'isola lidense, sviluppandosi lungo la promenade, le piazze, gli spazi all'aperto, il complesso Blue Moon e negli alberghi principali: Hotel The Westin Excelsior, Des Bains, Hungaria Palace Hotel e Hotel Le Boulevard.  Il percorso espositivo si dipana attraverso l'uso di diversi supporti artistici, dalla scultura, alla video art, per poi arrivare all'installazione, veicoli espressivi evocativi della memoria personale e collettiva degli artisti che ogni anno ad OPEN si confrontano, si fondono e si disgiungono nel recupero e nella critica di un nuovo sistema dell'arte.

Ad OPENASIA partecipano 43 artisti provenienti da 22 nazioni includendo 8 progetti speciali che vedonoil coinvolgimento dei seguenti artisti:

Yoko Ono "Onochord" (Nutopia)  presenta in anteprima mondiale un video con un messaggio d'amore universale.

Il progetto intitolato “Gli Etruschi in Oriente” a cura di Philippe Daverio  ed in collaborazione con Umberto Zampini vede la partecipazione degli artisti Giovanni Ragusa, Raffaele Bueno, Maria Lola Bueno e  Luca Gansser.

Marco Nereo Rotelli e gli scultori Luciano Massari e Bene Tuki presenteranno l'Isola di Pasqua Project. L'artista Bene Tuki ha realizzato per la prima volta in Italia, il Moai, espressione artistica simbolo dell'Isola di Pasqua, posto al centro del giardino scultoreo intitolato Ombelico del Mondo. La spettacolare performance del gruppo di 14 danzatori "Matato'a" originari di Rapa Nui ha inaugurato il progetto con l'intervento di Marco Nereo Rotelli che ha dipinto i loro corpi con liriche poetiche.

Ye Hongxing "Redxing" (Guilin Yuzi Paradise, Repubblica  Popolare Cinese).

Li Chen "Pure Land", Asia Art Center, Taiwan.

Virginia Ryan, Kofi Setordji, Samuel K. Olou, Joseph Kola Ogunsunlade (Adinkra Art Gallery & Friends, Ghana).

Luka Stojnić e Giuseppe Dall'Arche ("Giovani artisti", Croazia).

Marianne Heske (Homage to Pierre Restany, Norvegia).

Richard Long (Inghilterra), Luigi Ontani (Italia), Max Neuhaus (USA), Ben Vautier (Francia), Vittore Frattini (Italia), Alain Arias-Misson (Belgio), Chen Zhen (Repubblica  Popolare Cinese), Fathiya Tahiri (Marocco), Hu Xiangcheng  (Repubblica  Popolare Cinese), Cornelia Kubler Kavanagh (Le Isole Vergini - USA), Ye Fang (Repubblica Popolare Cinese), Liu Jianhua (Repubblica  Popolare Cinese), Melita Couta (Cipro), Nikos Kouroussis (Cipro), Lim, Hyoung Jun (Corea), Alexis Leyva Machado Kcho (CUBA), Ricarda Peters (Germania), Nyoman Nuarta (Indonesia), Carmel Mooney (Irlanda), Eti Haik-Naor (Israele), Ursula Huber (Italia), Emanuele  Viscuso (Italia), Lucia Cheung  (Macao - Repubblica  Popolare Cinese), Tan Swie Hian (Singapore), Trinh Tuan (Vietnam), Ludovico De Luigi (Venezia).

Tra i Curatori si segnala Enrico Pedrini, che dalla prima edizione collabora con OPEN, quest'anno cura la partecipazione di Ben Vautier e Max Neuhaus.

In OPENASIA l'Oriente incontra l'Occidente mettendo in luce, attraverso il reciproco confronto, la necessità di trovare percorsi alternativi volti a scandagliare il concetto di identità e a recuperare un pluralismo culturale nella comune contaminazione stilistica.

Anche quest'anno si tiene, per la quarta edizione, il PREMIO OPEN Fondazione Mimmo Rotella/Arte Communications, premio speciale collaterale alla 61. Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia. Il premio consiste in un'opera ideata dall'artista Mimmo Rotella.

La mostra è accompagnata da un catalogo e da una  mappa del percorso espositivo, disponibili presso l'ufficio informazioni nel Piazzale Santa Maria Elisabetta dal 1 al 11 settembre dalle 10.00 alle 21.00 e dal 12 settembre al 10 ottobre dalle 11.00 alle 17.00. La mostra è gratuita ed è aperta tutti i giorni, raggiungibile con i vaporetti ACTV  linea n. 1/51/52/61/82, fermata Santa Maria Elisabetta-Venezia Lido

Con il PATROCINIO del

 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

MINISTERO  PER BENI E  LE ATTIVITA' CULTURALI

REGIONE del VENETO

PROVINCIA di VENEZIA  

COMUNE di VENEZIA


We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.