:: Accademia di Belle Arti di Venezia
Cristina Treppo

Un’idea Zen di giardino simbolico, luogo dove fiori piante e rocce sono più nella mente che nella realtà, circola dalle fotografie alle sculture alle installazioni in tutta l’opera di Cristina Treppo. Con un corpus di ricerca originale e coerente attraverso le varie forme espressive, Treppo sta emergendo come una delle figure più interessanti della giovane arte italiana, come prova la sua recente inclusione tra i finalisti del Premio Internazionale Arnaldo Pomodoro per la scultura. Fotografa fiori finti che sembrano veri (fino a quando l’occhio non scopre il minuscolo dettaglio che cambia la lettura, ad esempio, uno stelo di plastica), o scenari naturali nei quali vorremmo immergerci (ma che nel corso dell’esplorazione visiva si rivelano dei piccoli set costruiti in studio, con polveri colorate e piante artificiali). Il versante scultoreo di questa produzione, forse il più personale e sorprendente, si caratterizza per l’uso del ‘peluche’: materiale soffice da orsacchiotti e da cuscini, affettivamente ambiguo, che invita a toccare e accarezzare, a entrare in una dimensione di sensualità e tenerezza, nonostante i suoi verdi rosa e giallo aciduli lo denuncino come finto, non appartenente al mondo biologico. Nella produzione recente, questi colori hanno lasciato il posto alla monocromia, e l’asciuttezza semiastratta del linguaggio a una nuova inflessione più romantica e narrativa: tutto nero per “Tonight”, 2006, viluppo di corolle e tralci che termina in un paio di guanti da sera; tutto bianco invece per questo “Segreti e bugie” espressamente realizzato per OPEN2OO6: un letto a baldacchino/interno di stanza che cela parzialmente i suoi tesori floreali dietro cortine, lasciandoli intravedere però per mezzo di uno specchio: nuovo interessante esperimento di narrazione allusiva, indiretta, riflessa. Un'opera dal valore concettuale ampio, ma che si carica di particolari valenze in connessione al luogo dove viene presentata: un letto collocato nel giardino di un hotel rimanda a tutte le suggestioni che può dare una camera d'albergo, mentre il tema floreale riprende la decorazione delle maioliche dell'Hungaria Palace Hotel.

 

Curatrice: Gloria Vallese

Testo a cura di Gloria Vallese

Ringraziamenti: Accademia di Belle Arti di Venezia

 

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.