:: University of Applied Arts, Vienna
Brigitte Kovacs & Thomas Scherzer

Galleggiare: lasciamoci trasportare dalla corrente

 

Venezia, la città galleggiante, diventa il concetto base della scultura; essa viene privata dalla sua stabilità e portata sull’acqua. La sua forma viene stabilita da profili corporei individuali, il materiale è polistirolo colorato. Le sculture fungono anche da materassini che galleggiano sulla superficie dell’acqua come dei lastroni di ghiaccio. Essendo ancorati in un punto con una corda lunga tra 10 e 100 m, i visitatori di OPEN2OO6 vengono invitati a sdraiarsi sul loro corpo individuale e galleggiare così attraverso un piccolo pezzo di Venezia. Direttamente in spiaggia, vicino all’ancoraggio del corpo galleggiante, è aperto un banco d’informazione, dove i primi trenta partecipanti possono farsi prendere i loro profili corporei. Grazie ai loro profili nei giorni successivi nasceranno dei corpi galleggianti individuali pronti per essere utilizzati per il “floating”. Dopo essere stati utilizzati come materassini i corpi di polistirolo rimarranno in acqua per far parte, il mese successivo, di un’installazione sul mare in continuo mutamento.
 

Curatore: Gabriele Rothermann
Testo a cura di Gabriele Rothermann
Con il supporto di: Universität für angewandte Kunst - Wien

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.