Macao Rep. Pop. Cinese
Lucia Cheung

 

Fiori riflessi e luna nell’acqua


Nulla aiuta a liberarsi della calura estiva più della pittura e della lettura. Ecco una poesia del IX secolo.

"Sprofondati nei guanciali dietro tende in perline di cristallo,
i sogni sono agitati da tiepido incenso, coperti da lenzuola adorne di coppie di anatre mandarine.
I salici fluttuano come fumo lungo la riva e le oche attraversano un cielo illuminato da una luna ormai esausta.
Il colore dei fili di loto è pallido in autunno, figure di carta ritagliata ondeggiano irregolarmente sospese.
Nel rosso fragrante riposano le cuffie; una brezza sfiora la sua forcina di giada".


Weng Tingyun (812-866)

 

Le tende in perline di cristallo sono traslucide e la stanza è tiepida di incenso. Quale tipo di donna dormirebbe qui? La vista si sposta poi sui salici lungo la riva del fiume. Il termine "fumo" riporta in vita l’ondeggiamento dei salici e i loro colori sfumati. È giunta la primavera e le oche volano a nord sotto la luna. Le due viste si sovrappongono come nel montaggio di un film portandoci alla successiva. I "fili di loto" fanno riferimento alla trama di un tessuto, mentre le "figure di carta ritagliata" ad un’antica tradizione delle donne che usavano appuntarsi nei capelli strisce di carta o tessuto ritagliato come decorazione per alcuni festival. Infine, con il "rosso fragrante", riferimento ai fiori appuntati su una cuffia, si può immaginare il tutto fluttuare nella brezza: "forcina di giada", fiori, figure di carta ritagliata. Il ritmo di sensazioni impercettibili e un’immaginazione infinita danno freschezza alla vita, rendendo degno di attenzione ogni più piccolo dettaglio del mondo che rivitalizza l’anima. Anch’io, dunque, mi raccoglierò i capelli appuntandovi una forcina, e mi immergerò in sogni del passato. Pensando a Venezia, immagino una donna misteriosa con una maschera nera in seta, ma porta una forcina di giada nei capelli? O forse una forcina di acciaio è più rinfrescante per questa visione? Gli alberi fluttuanti nella brezza sono le forcine di giada del mondo. Anche le sculture in una piazza, forcine tra i capelli di una donna, possono essere viste nella stessa chiave.

 

..:: Lucia Cheung

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.