I “letti” si trovano all’aperto, immersi nella quiete e nella frescura del giardino di San Servolo, a un passo dalle finestre che, attraverso il muro di cinta, guardano a distanza Venezia e la struggente bellezza di altri angoli della laguna, a sottolineare un concetto di libertà negata, una condizione innaturale, dolcezza e riposo che implicano però separazione e dolore. Ispirato a immagini d’archivio e a cimeli riguardanti la storia della follia, inclusi quelli conservati nel piccolo museo della follia dell’Isola di San Servolo, il letto/gabbia è qui visto anche come contenitore (di storie, memoria, perdita, dolore, oblio, follia... ): alcuni oggetti (bambola, foto, coperta, cuscino, bicchiere) sono custoditi all’interno di questi piccoli mondi, i letti appunto, che spesso, per reazione alla spersonalizzazione dei luoghi istituzionali, divengono per il loro inquilino una casa in miniatura che custodisce, sotto il cuscino, sotto il materasso o fra le pieghe delle lenzuola, i frammenti di quel mondo affettivo e personale da cui il malato/recluso/soldato è separato. Frasi ricamate, oppure ostinatamente graffite, alludono a un altro aspetto: il tempo sospeso, ozioso, della detenzione e della malattia. Altre tracce, discrete, come camicie che allacciano il corpo, evocano l’idea della contenzione, pur senza divenire didascaliche e museali attraverso una citazione troppo diretta. Con un apporto del tutto originale e personale, Cristina Treppo si aggiunge al numero delle artiste donne che stanno imprimendo nel nostro tempo una svolta al linguaggio della scultura, contaminandola con un’attenzione nuova ai valori emozionali e con materiali e prassi tipicamente femminili: per non citare che alcuni esempi, particolarmente vicini però al mondo di Cristina, ricordiamo Louise Bourgeois con le sue tragiche “bambole” di pezza, Kim Sooja con l’ago e il filo, Petah Coyne con i suoi agglomerati di materiali soffici in cui sono impigliati oggetti della memoria. I sette letti-gabbia presentati a San Servolo sono solo un parte di “Sleep Out”, opera in progress che prevede un numero molto più cospicuo di elementi e include nella sua forma completa una serie di fotografie scattate negli impressionanti interni in abbandono del Centro di Salute Mentale di Udine.

Testo a cura di Gloria Vallese

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.