Francia
André

Personalità eclettica, irriverente jongleur, enfant prodige dei graffiti. André è il nuovo cantore francese della dissacrante Spray-art. È capace di trasformare la città poiché lascia il “graffio” per l’amore, la bellezza e la libertà di vivere in una dimensione diversa dal normale. Graffiti, Spray-art, Aerosol-art, Street-art sono alcune delle definizioni di un’espressione artistica che predilige le superfici della città, i muri, gli spazi pubblici, i vagoni della metropolitana. Arte che diventa urgenza-necessità di lasciare una traccia del proprio passaggio nella giungla d’asfalto. E questa urgenza André l’ha manifestata da subito contro ogni legge e divieto per dar forma al suo Alter Ego, “Mr. A”, che contrariamente alla norma appare fuori, non rimane chiuso nella sua dimensione, è un richiamo che va oltre l’apparenza, che ci allerta ad una maggiore attenzione all’altro, a noi stessi. Il suo tag non lo si vede solo nella babele plurietnica di Parigi ma in altre città come Tokyo per la quale è diventato ormai una celebrità. La bomboletta spray è lo strumento eletto, ma negli anni l’artista è approdato ad altri supporti come ad esempio la scultura presentata ad OPEN che permetterà a “Mr. A” di riappropriarsi di un tratto del Lungomare Marconi fino alla creazione di un vero e proprio brand da applicare su svariati oggetti. Tale marchio tuttavia non è sintomatico di una mera operazione commerciale perché non vi è sterile serialità. André infatti gioca a innescare un cortocircuito ironico tra arte e “artigianato” per la condivisione collettiva. Ed è proprio l’immagine di “Mr. A” - ironizzata, reinventata, capovolta o recuperata - a ripetersi con insistenza, rifuggendo banali localismi per aprirsi a contaminazioni culturali ed esperimenti di linguaggio. Con i suoi interventi, l’artista mette in atto l’anima anarchica dell’arte contemporanea, il suo cuore trasgressivo e per certi versi compulsivo - è solito fare cinquanta graffiti a notte. I suoi sono spericolati slalom tra le strade di Parigi in cui “Mr. A” diventa provocazione intellettuale eccentrica, tra ironia ed esprit sauvage, teatralità e vocazione ludica, per ridefinire un’attitudine diffusa dell’arte del nostro tempo.

 Testo a cura di Carlotta Scarpa

 

  

 

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.