:: Accademia di Belle Arti di Venezia
Stefano Zaratin
B foto01

L’installazione di Stefano Zaratin riprende, anche se in scala immensamente più grande, tratti del favo d’ape e del nido di vespa: la perfetta e tuttora misteriosa geometria esagonale, l’accrescimento a strati, il lunghissimo elegante peduncolo che emula i tratti del nido sotterraneo. Questo squisito prodotto del design animale si fissa ai supporti prescelti, i più vari: alberi, terreno, rocce, nonché, come sappiamo, finestre e grondaie, tetti e fienili delle abitazioni umane. Non è ancora del tutto chiaro con quale logica api e vespe scelgono dove fissare i favi. Il loro saggio di architettura integrata al contesto ambientale, tema così alla moda tra scultori e architetti, rimane in parte indecifrato. Per Stefano Zaratin, scultore di rigorosa quanto delicata vena concettuale, la citazione di oggetti esistenti effettuata alterando alcuni dettagli, spesso soltanto la scala, è un caratteristico espediente di poetica. In “Untitled”, del 2005, la scritta “NON DEVI SBAGLIARE” appariva intagliata in normografo, il regolo di plastica trasparente che si usa per guidare la mano a tracciare lettere e numeri, però di formato gigante: la luce di un faretto attraversava l’oggetto proiettando al suolo quest’esortazione perentoria, cocci di vetro disposti tutto intorno all’impronta luminosa accentuavano ironicamente l’ironica, impeccabile evocazione di un profilo psicologico molto ansioso e sottomesso.

Curatrice: Gloria Vallese

Testo a cura di Gloria Vallese

Ringraziamenti: Accademia di Belle Arti di Venezia

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.