:: University of Applied Arts, Vienna
Benjamin Tomasi

Una doccia è una doccia; è una specie di “gadget” che facilita la vita in modo più o meno ingegnoso: l’acqua scorre sull’uomo sudato e sporco, e ciò non accade senza pressione. Qualcuno predilige la vasca, ma la vasca rallenta l’azione che può essere svolta velocemente nella doccia. La doccia è naturale per ognuno, non si pongono domande alla doccia, tranne se perde, allora è considerata fastidiosa e viene chiamato per esempio un idraulico. La doccia fa parte dell’arredamento d’interni, ma l’artista ne colloca una nella rete dei canali veneziani, dove l’acqua scorre di giorno e di notte dalla doccia artificiale. Nel canale nessuno può fare una doccia. Essa viene tolta dal suo solito ambiente e portata lontana dal luogo al quale “appartiene”, ed ecco che è diventata un oggetto d’esposizione. Anche così esposta funziona, come una fontana assurda nell’acqua sporca, non più purificante.

 

Curatore: Gabriele Rothermann
Testo a cura di Gabriele Rothermann
Con il supporto di: Universität für angewandte Kunst - Wien

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.