Notizie

Calendario delle conferenze stampa

presentazione della 12. Mostra Internazionale di Architettura

 

19 | 04 | 2010

 La conferenza stampa di presentazione della 12. Mostra Internazionale di Architettura, diretta da Kazuyo Sejima e intitolata People meet in architecture, si terrà lunedì 3 maggio 2010 alle ore 12.00, presso la Facoltà di Architettura “Valle Giulia” - Sapienza Università di Roma, Aula Magna (Via Gramsci 53, Roma).  Interverranno il Presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta e il Direttore della 12. Mostra Internazionale di Architettura Kazuyo Sejima. Nella stessa occasione sarà presentato il Progetto Università “Destinazione Biennale di Venezia. Universities meet in architecture” e il programma dei “Sabati dell’Architettura”. Seguirà la presentazione del Padiglione Italia, alla quale interverranno Mario Lolli Ghetti, Direttore Generale del PaBAAC – Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee e Luca Molinari, curatore del Padiglione Italia.  La 12. Mostra Internazionale di Architettura verrà presentata anche all'estero, secondo il seguente calendario di conferenze stampa: Berlino, mercoledì 5 maggio 2010, ore 11.30 - Ambasciata Italiana (Hiroshimastr. 1)Londra, giovedì 6 maggio 2010 ore 11 - Istituto Italiano di Cultura (39, Belgrave Square)Parigi, venerdì 7 maggio 2010 ore 11.30 - Istituto Italiano di Cultura (Hôtel de Galliffet, 50, rue de Varenne)

New York, venerdì 14 maggio 2010 ore 11.30 - Istituto Italiano di Cultura (686 Park Avenue)

 

Tratto da http://www.labiennale.org/it/architettura/news/calendario.html

Il SINDACO ORSONI NOMINA NUOVA GIUNTA:  TIZIANA AGOSTINI ASSESSORE ALLE ATTIVITA' CULTURALI

(ASCA) - Venezia, 16 apr - Il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, ha nominato la nuova Giunta comunale e attribuito le deleghe agli assessori. Vice Sindaco e' Sandro Simionato (Pd), con deleghe a Servizi Sociali, Bilancio, Bilancio Partecipativo, Personale, Tributi, Economato.

Gli assessori sono, in ordine alfabetico: Tiziana Agostini (Pd) con deleghe a Cittadinanza delle donne, Cultura delle differenze, Comunicazione, Servizi Demografici e Statistica, Toponomastica, Attivita' Culturali, Citta' metropolitana, decentramento, municipalita'; Ugo Bergamo (Udc) con deleghe a Mobilita' e trasporti, Infrastrutture e viabilita', Piano del traffico, Traffico acqueo; il Verde Gianfranco Bettin con deleghe ad Ambiente e citta' sostenibile (parchi, verde e beni comuni), Politiche giovanili e Centro pace, Informatizzazione e cittadinanza digitale; Andrea Ferrazzi (Pd) con deleghe a Politiche educative, Sport, Politiche per la famiglia; Bruno Filippini (Idv) Politiche della residenza, Casa, Patrimonio; Pier Francesco Ghetti (Idv) con deleghe a Piano strategico, Protezione civile, Sicurezza del territorio; Alessandro Maggioni (Pd) con deleghe a Lavori pubblici, Gare e contratti, Espropri; Ezio Micelli (tecnico) con deleghe a Urbanistica, Edilizia Privata e convenzionata, Sportello Unico; Roberto Panciera (Udc) con deleghe a Turismo, Promozione della Citta', delle sue Tradizioni e Manifestazioni storico culturali; Antonio Paruzzolo (tecnico) con deleghe a Attivita' produttive, Artigianato, Partecipazioni societarie; Carla Rey (Pd) con deleghe a Commercio, Pubblici Esercizi, Tutela dei diritti dei consumatori, Tutela del decoro della citta'.

Restano attribuite al sindaco le deleghe relative a Politiche culturali, Programmazione sanitaria, Legislazione Speciale per Venezia, Rapporti istituzionali con lo Stato, la Regione e la Provincia, Programmazione e controllo, Relazioni internazionali, Sicurezza Urbana e Polizia Locale, Avvocatura Civica.

fdm/sam/rob

(Asca)

Tratto da: www.asca.it
http://www.asca.it/regioni-VENEZIA__SINDACO_ORSONI_NOMINA_NUOVA_GIUNTA-486069--.html

Artist Sigalit Landau to represent Israel at 2011 Venice Biennale

By Avital Burg 

Sigalit Landau will be Israel's representative at the 2011 Venice Art Biennale, the art and culture committee of the Ministry of Culture and Sport decided in an unanimous vote Sunday.

"Sigalit Landau has provided more than enough proof of her profound ability to create a world that is energetic, coherent, experiential and brilliant," said the committee members. "Her extensive body of work is rich in detail, a product of her historical and cultural vision; executed by a practiced hand with an inventive and intriguing use of materials, inspiration and dexterity. Her impressive exhibitions are planned as giant installations that communicate with the exhibition space.

"Every world created by Landau thus far is witness to her unending passion, and to the forcefulness with which she channels her anxieties as a woman and an Israeli about present-day issues, both universal and regional," the jury said.
Landau is currently in Thailand. She was informed of the committee's choice, but could not be reached for comment.

The committee is chaired by Idit Amichai, who represents the ministry. Other members are Naomi Aviv, David Ginton, Dr. Vered Ganai, Yitzhak Livni and Dr. Shlomit Shaked.

Naomi Givon of the Givon Gallery in Tel Aviv, who is in contact with Landau, said that she understood that the artist's Biennale project would be "based on co-existence on the human plane, and the chronology of settlement in pre-state Israel. Given Israel's standing in the world today, this project is more likely to contribute to the country's foreign relations than verbal explanations by ambassadors and official representatives. Landau depicts the significance of 'live and let live' in multi-cultural Israeli society. It's an excellent opportunity to call for co-existence in our multi-faceted region."

Landau will select a curator for the exhibit.

Culture Minister Limor Livnat congratulated Landau, saying that she "faithfully represents the lively Israeli art scene, and Israeli culture at its best."

Landau was born in Jerusalem in 1969. She lives and works Tel Aviv. In 2008 she had a solo show at the Museum of Modern Art in New York, and her work is currently on display as part of a group show at the Pompidou Center in Paris.

She has received awards including the Wolf Fund Anslem Kiefer Prize for young artists, the Acquisitions Prize and the Gottesdiener Prize from the Tel Aviv Museum of Art, and the Israel Culture Minister's Prize.
 

Extract from www.haaretz.com, April 08, 2010
http://www.haaretz.com/hasen/spages/1161349.html 

Mike Nelson to represent Britain at Venice Biennale 2011

Known for his atmospheric, immersive installations, Mike Nelson's intervention in the British pavilion in Venice promises to be intriguing.

An old Red Crescent medical bus, seemingly recently discarded by hippies who've turned it into an opium den – the claustrophobic space seems thick with their presence. A derelict building in Margate turned into a cannabis factory – again filled with the presence of a cast of characters that's busily supplied by the viewer's imagination. A plain white door in a chic contemporary art fair that leads you through the looking glass into a dingy, grubby, unsavoury photographer's studio.

These are among the worlds created by Mike Nelson, who has been named the artist to represent Britain at the Venice Biennale 2011. I'm already intrigued by the idea of the sort of thing he'll create out of the staid and pretty British pavilion in the Giardini in Venice. His immersive installations – which might remind one of the work of such theatremakers as Punchdrunk – are always intriguing, always inclined to make you not only feel an atmosphere (often a rather sinister one) but also work away at the intellect. They are both allusive and elusive; and absolutely meticulous in their detailing. At their best they can work like little narrative tales, with the story all hinted at. At their worst, they are atmospheric set dressing – but always enjoyable. As Ralph Rugoff, director of the Hayward Gallery has said:

“He often makes connections in his art that, whether cultural or social or even political, are not that obvious. They require a certain amount of work on the viewer's part. There's a great freedom in the way his imagination roams over so many cultural territories and teases certain associations from the audience. He's doing what all great artists do, asking people to look differently - but doing it in a very intimate, and often demanding, way.” I'm also personally pleased for Nelson. He's one of the nicest, most straightforward fellows you could hope to meet. He was nominated for the Turner prize in 2007 [partly thanks to the installation for Frieze art fair, which I mentioned above] and lost out – rightly, as it happens, to Mark Wallinger – but Venice will give him the opportunity for huge exposure among the best of the best of international contemporary art. Good luck to him.

Extract from www.guardian.co.ukhttp://www.guardian.co.uk/culture/charlottehigginsblog/2010/mar/30/art-sculpture

Il tema del "Padiglione Italia" a cura di Luca Molinari alla 12. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

Il Ministero per i beni e le attività culturali con il PaBAAC – Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee e la Biennale di Venezia annunciano il tema del Padiglione Italia curato da Luca Molinari alla 12. Mostra Internazionale di Architettura.AILATI. RIFLESSI DAL FUTURO è il titolo dato dal curatore alla mostra del Padiglione Italia alle Tese delle Vergini all’Arsenale. “Ailati – spiega Luca Molinari - è uno sguardo inedito e propositivo sull’Italia vista da più prospettive di pensiero, di tempo e di spazio, per offrire una visione d’insieme lucida e inusuale che colga la complessità e la densità dei fenomeni in gioco nel nostro Paese e allo stesso tempo richiami e solleciti l’architettura italiana contemporanea a comprendere il paese reale, a interpretarne le metamorfosi, a cogliere i segnali del futuro senza paura”. “Il percorso passa attraverso il recupero della memoria collettiva degli ultimi 20 anni della nostra architettura – argomenta il curatore - traccia un ritratto realistico del Paese analizzando lo stato dell’arte e le risposte concrete che l’architettura sta dando a tematiche tradizionali quali la costruzione di spazi per la comunità o il rapporto con gli spazi antichi, ma anche a questioni delicate e avanzate, come la realizzazione di progetti solidali all’estero, la riconversione dei beni sequestrati alle mafie o gli strumenti nell’emergenza ambientale e territoriale. Lo sguardo poi va oltre e coinvolge i ‘cervelli’ di oggi - ovvero grandi esperti in diversi settori, dalla scienza alla cultura, dalla tecnologia all’ecologia - per raccontare le loro idee dell’Italia del prossimo futuro, idee che saranno poi tradotte da un gruppo di progettisti in vere e proprie visioni”.

“AILATI. RIFLESSI DAL FUTURO è un segnale concreto di sfida al futuro e di rilancio della nostra architettura a livello mondiale. AILATI – prosegue Luca Molinari - è un gioco di specchi con la parola Italia ma soprattutto il cuore dell’identità dell’architettura italiana. Essere ailati vuol dire avere la capacità di leggere con più forza e saggezza i riflessi dal futuro che la realtà contemporanea ci manda quotidianamente. Non in periferia, non ai margini ma in una posizione originale, autonoma, anomala da cui guardare il futuro come ad una possibilità di cui non bisogna avere paura, ma soprattutto come ad una risorsa su cui l’architettura italiana possa costruire nuove forme di identità e ricerca. AILATI rappresenta il richiamo ad uno sguardo laterale, originale sulle cose, sulla realtà, sul progetto per offrire visioni anomale, sperimentali su di un mondo che sta prepotentemente cambiando. AILATI combatte contro la fame di centralità e di risultati facili che ha impoverito l’architettura negli ultimi anni, richiamandola ad uno sforzo nuovo, civile, consapevole capace di produrre idee, strumenti e visioni inedite e utili per il prossimo futuro”.
“L’architettura – dichiara il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Sandro Bondi – deve porsi il problema della dimensione estetica e del rispetto della dignità degli individui e delle comunità per cui essa è pensata e realizzata. Sono certo che il Padiglione Italia della prossima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia saprà affrontare questi temi cruciali e sviluppare un dibattito di ampio respiro, in grado di portare a scelte architettoniche e urbanistiche maggiormente improntate all’umanesimo che ci è proprio”.Il Padiglione Italia risponde e accoglie quindi il titolo della 12. Mostra Internazionale di Architettura “People meet in architecture” declinandolo come una sfida e una condizione necessaria per riportare l’architettura al centro della vita della gente, e insieme per trasformarla in un laboratorio dove presente e futuro si incontrino a produrre un cambiamento inedito e solidale.I contenuti nel dettaglio e gli studi invitati saranno presentati nel corso della conferenza stampa in programma a Roma il prossimo 3 maggio. Roma,9 aprile 2010

Ufficio Stampa MiBAC
Tel. 0667232261/2

Ufficio Stampa Padiglione Italia
Sara Resnati
Tel. 0289410320
s.resnati@ottoidee.it;
www.ottoidee.it


LUCA MOLINARI
Nato nel 1966, Luca Molinari si laurea presso la Facoltà di Architettura di Milano nel 1992 dopo un periodo di lavoro e studio trascorso presso la Facoltà di Architettura–TU Delft /Olanda (1989) e l’ETSAB di Barcellona/Spagna(1990-92). È Professore Associato di Storia dell’architettura Contemporanea presso la Seconda Facoltà di Architettura “Luigi Vanvitelli”, Napoli.
Incaricato negli ultimi anni degli allestimenti e la curatela di diversi eventi legati al mondo dell’architettura contemporanea tra cui: Le forme del cibo (Milano, 1996), Stalker (Milano, 1996), Santiago Calatrava. Work in Progress (Milano,1998-99), Effetti Collaterali (Milano, 2002), Medaglia d’oro per l’architettura italiana (Milano, Napoli, Roma, Singapore e Guang-Zhou, 2004-05), Piero Portaluppi (Milano, 2004), Antinapoli (con Cherubino Gambardella, Vincenzo Trione, Francesco Jodice e Fabrizia Ippolito, Napoli, 2005), 20.06. Annali dell’architettura (Napoli, 2006), 20.07 Annali dell’architettura (Napoli, 2007); Sustainab.Italy.An overview on contemporary Italian architecture (con Alessandro D’Onofrio, Londra, 2008; Singapore 2009); Check-in-architecture (Congresso UIA Torino; Biennale architettura,Venezia, 2008) Environments and Counterenvironments : Experimental media in Italy. The New Domestic Landscape MoMA 1972 (con Peter Lang e Mark Wasiuta, New York, 2009); Dreaming Milano (Milano, 2009); 12xMilano (Milano, 2009).
Tra il 2001 e il 2004 è responsabile scientifico per l’architettura e l’urbanistica della Triennale di Milano e membro del comitato scientifico per cui, tra l’altro, ha ideato e curato la prima edizione della Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana (2003) e la prima edizione della Festa per l’Architettura (2004).
Ha ricevuto dalla X Biennale di Architettura di Venezia il Premio Ernesto Nathan Rogers per la critica e la comunicazione d’architettura (2006) e il Jean Tschumi UIA prize per la critica architettonica (2008).


tratto da: www.politicamentecorretto.com, 13 aprile 2010
http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=22265

 

 

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.