OPEN
Fonte: La Nuova Venezia

VENEZI

VENEZIA. Oriente e occi­dente uniti in un abbraccio ideale tra arte contempora­nea, esotismo e materiali d'a­vanguardia. Sarà questo il fi­lo conduttore della settima edizione di Open, la mostra di sculture e installazioni al­l'aperto che anche quest'an­no si aprirà in contempora­nea con il festival del cinema al Lido di Venezia, e che pro­mette di essere quanto mai accattivante. Teatro della ras­segna saranno le strade e le piazze dell'isola che ospite­ranno 43 artisti provenienti da 22 nazioni, con l'esordio dell'Africa e con otto progetti speciali tra cui spicca la rap­presentanza cilena delle isole di Pasqua. Un grande Mohai di tre metri di altezza, le tipi­che teste in granito che spic­cano sulle isole atlantiche, sta prendendo infatti forma in queste ore a Carrara gra­zie a uno scultore cileno che, assieme a quattordici danza­tori Matatoa, inaugureranno Open in un modo quanto mai originale nel piazzale anti­stante il Buie Moon, renden­do il Lido il vero ombelico del mondo per almeno una manciata di giorni. Ma gli ar­tisti che parteciperanno a questa nuova edizione della rassegna organizzata da Arte Communications saranno tut­ti di prim'ordine, a partire da Yoko Ono che farà la sua se­conda uscita al Lido con un'o­pera che è un grido d'amore universale. Un grande schermo sulla terrazza antistante l'hotel Westin Excelsior dif­fonderà il suo «I love you» ac­compagnato da migliaia di manifesti che invaderanno l'i­sola e il centro storico. Ma Open, per le sue caratteristi­che, non poteva quest'anno non dotarsi anche di misure di sicurezza dopo alcuni epi­sodi di vandalismo perpetra­ti sulle opere negli anni scor­si. Verranno installate micro telecamere in grado di sorve­gliare ed eventualmente co­gliere sul fatto i malintenzio­nati, mentre le sculture e le installazioni verranno distri­buite tra parchi, viali, piazze e hall degli alberghi. All'Hungaria il belga Misson sta in­fatti montando 15.000 lampa­dine su una vecchia Fiat 500 spogliata delle sue dotazioni abituali, proponendo giochi di luce pronti a scatenare le fantasie del visitatore. E poi ci sarà la prima di Cuba al Li­do, la presenza di molti arti­sti asiatici, continente cui è dedicata la rassegna 2004. «Open fa un ulteriore salto di qualità quest'anno - assicura Paolo De Grandis, organizza­tore dell'evento – Annesso al­la manifestazione ci sarà an­che il quarto premio Open che consegneremo assieme alla Biennale durante il festi­val, ma con la presenza di Yoko Ono e la performance de­gli artisti delle isole di Pa­squa, per la prima volta un Mohai arriverà in Europa, e ci apprestiamo a offrire qual­cosa di unico». Curatore del­la rassegna di quest'anno sarà il cinese Chang Tsong zung, critico d'arte contempo­ranea di livello mondiale. L'i­naugurazione è prevista il primo settembre preceduta dalla presentazione ufficiale.

 

Simone Bianchi

La Nuova Venezia 10 agosto 2004

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.