Premio Open e Leone d'Oro

Jia-Zhang-Ke-Omar-Galliani-

PREMIO OPEN2OO6

 

VI EDIZIONE

 

Premio Speciale Collaterale

alla 63. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

 

Il Maestro Omar Galliani

consegna il PREMIO OPEN2OO6

al regista Jia Zhangke per il film "Dong"

Sabato 9 settembre 2006 alle ore 16.00

presso la Sala Perla del Palazzo del Casinò - Venezia Lido

 

Arte Communications in collaborazione con il Centro Italiano per le Arti e la Cultura istituisce la 6a edizione del Premio OPEN, in occasione di OPEN2OO6 9. Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni. L'evento prevede la premiazione di un regista presente alla 63.Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che con la sua opera riveli, in maniera inedita, un fertile interesse verso la seducente tematica della mutua interazione tra arte e cinema, due forme artistiche che vivono d’immagine e si nutrono del desiderio di tradurre emozioni.

 

Il regista vincitore è stato selezionato dalla giuria, composta dal Presidente Paolo De Grandis e dai giurati: Vincenzo Sanfo, Chang Tsong-zung e Gloria Vallese. Il premio OPEN2OO6 consiste in un'opera ideata e realizzata dall’Artista Omar Galliani che conferirà alla cerimonia di premiazione la scultura al regista vincitore.

Il Presidente della giuria, Paolo De Grandis, ha così motivato la scelta: "Nel documentare il viaggio nelle zone rurali ed industriali della Cina del pittore Liu Xiaodong, Jia Zhangke traccia con estrema efficacia la vita di uno degli esponenti della Nuova Generazione di Pittori del Realismo Cinico unitamente alla raffigurazione del contesto sociale Cinese. Con "Dong" Jia Zhangke sperimenta la densità emotiva, sociale e culturale dell'arte cinese offrendo un'importante testimonianza della mutua corrispondenza tra arte cinema."

 

L’istituzione di questo riconoscimento, ideato nel 2000 da Pierre Restany, nasce parallelamente ad OPEN, Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni che quest'anno ha inaugurato il 30 agosto a Venezia Lido la sua nona edizione. Nel corso delle prime quattro edizioni il Premio è stato commissionato all'artista Mimmo Rotella e nell'edizione 2005 a Sebastian. Tra i registi vincitori ricordiamo: Joao Botelho con il film Quem es tu?, Julie Taymor con Frida, Takeshi Kitano con Zatoichi, Marziyeh Meshkini con Sag - haye velgard e nel 2005 Stanley Kwan con Everlasting Regret.
La mostra OPEN è realizzata da nove anni in concomitanza con la Mostra del Cinema di Venezia a conferma del preciso intento di rafforzare il legame esistente tra arte e cinema e l’istituzione di questo riconoscimento testimonia questo fecondo e stretto rapporto.

Venezia, vince il cinese Zhang-Ke
a Crialese Leone d'argento speciale

Il riconoscimento per "Nuovomondo" istituito appositamente
Miglior documentario quello realizzato da Spike Lee sui danni di Katrina
dal nostro inviato CLAUDIA MORGOGLIONE

 

<B>Venezia, vince il cinese Zhang-Ke<br>a Crialese Leone d'argento speciale</B> Jia Zhang-Ke

VENEZIA - E' sbarcato a Venezia come film-sorpresa, inserito last minute nella selezione ufficiale. E adesso, ancora più inaspettatamente, conquista il gradino più alto del podio: è Still Life, del regista cinese Jia Zhangke, il Leone d'oro della Mostra 2006. Un risultato che arriva dopo un lungo e tormentato lavoro, da parte della giuria presieduta da Catherine Deneuve. In un'edizione, questa numero 63, che - almeno qui in Italia - passa alla storia anche per il riconoscimento all'autore più amato dal popolo del festival, Emanuele Crialese: il suo Nuovomondo porta a casa il Leone d'argento-rivelazione. Per un'opera che forse avrebbe meritato di più. I premi sono stati consegnati nel corso di una cerimonia condotta da Isabella Ferrari e Massimo Sebastiani, e trasmessa in diretta da Raisat. Ecco i più importanti.

Il poker di trionfatori. Il Leone d'oro va a un'opera cinese particolarmente ancorata alla storia recente di quel grande Paese: Still Life, infatti, è un film verità che racconta di come alcune grandi dighe fluviali abbiano cambiato il paesaggio e la vita della gente. Per ironia della sorte, si tratta di quelle stesse dighe che vediamo in una sequenza del film di Gianni Amelio, La Stella che non c'è. Leone d'argento per la migliore regia, invece, al grande vecchio Alain Resnais, per il suo Piccole paure condivise (lui però è assente). Il Leone d'argento rivelazione, come già detto, se lo aggiudica Nuovomondo. Infine, il premio speciale della giuria viene assegnato a Daratt di Mahamat-Saleh Haroun: prima pellicola africana in concorso da 19 anni, storia di vendetta e redenzione nel Chad post-guerra civile.

Gli attori. Tra le donne, nessuna sopresa: trionfa (tra le ovazioni dei presenti) Helen Mirren, straordinaria regina Elisabetta in The Queen di Stephen Frears. Tra le interpretazioni maschili, la spunta invece (e pochi se lo aspettavano) Ben Affleck, Superman televisivo in Hollywoodland di Allen Coulter. Il divo non c'è, ma manda un sms per ringraziare. Infine, il premio Mastroianni a un giovane talento: vince la bionda Isild Le Besco, che in L'intouchable ha il ruolo di una ragazza che scopre di avere un padre indiano. Scelta davvero singolare, questa: l'attrice in Francia è già una star, altro che promessa...

Riconoscimenti tecnici. L'Osella per la miglior fotografia va all'apocalittico Children of Men di Alfonso Cuaròn; quella per la sceneggiatura, ancora a The Queen. Decisione ineccepibile, non c'è che dire. Ancora, un premio speciale, "per l'invenzione del linguaggio cinematografico nell'insieme della loro opera", ai francesi trapiantati in Italia Jean-Marie Straub e Danile Huillet, a Venezia con Quei loro incontri.

Orizzonti. E' il secondo concorso della Mostra, quello considerato più sperimentale. I premi vanno, tra i documentari, a When the Leeves Broke, il documentario che Spike Lee ha dedicato alla catastrofe Katrina; il regista, però, non c'è a ritirarlo. E tra i lungometraggi di finzione, al cinese Liu Jie, per Corthouse on the Horsebeck: le vicende di una corte di giustizia itinerante.

Premio opera prima. I centomila dollari all'esordiente, offerti dalla Filmauro di Aurelio De Laurentiis (insieme a 40 mila metri di pellicola Kodak), vanno a Khadak di Peter Brosens e Jessica Woodworth, presentato nella rassegna "Giornate degli autori". Una storia intensa, ambientata in Mongolia.

 

(9 settembre 2006)

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue without changing your settings, we'll assume that you are happy to receive all cookies from this website. Privacy Policy.