Vincenzo Mascia

 

Vincenzo Mascia

Italia • Italy

Le cose nascono dalla necessità e dal caso,

Alighiero Boetti, arazzo.

Immediata l’elaborazione di tale concetto ben noto all’artista Madì italiano per eccellenza, Vincenzo Mascia: “Caso è anagramma di caos, per cui le cose sono anche generate dal caos, dall’esplosione primordiale che ha generato l’universo. L’attività dell’uomo poi, non è altro che un continuo ordinare il caos.

Coltivare significava selezionare piante utili e mettere ordine al caos delle forme naturali. Abitare significava catalogare e mettere in ordine i bisogni e dedicare spazi specifici ad ogni attività umana... l’Urbanistica organizza e tenta di mettere in ordine le nostre città... Anche le altre scienze umane sono ordinatrici del caos. La psicologia e la psicanalisi, addirittura, tentano di ordinare i nostri pensieri e le nostre pulsioni. Per cui, in fondo, l’uomo vive sempre in questo perenne contrasto, in questa dialettica tra l’impulso irrazionale e l’ordine razionale”.

Le cose nascono dal caso e il caso, in quanto tale, è non programmabile, anzi, spesso, generato proprio dal caos delle cose. La sensibilità artistica conosce bene queste connessioni, a volte limiti, ma sovente invece fonte di turbamento e di ricerca interiore che sfocia in Arte o che vive grazie ad essa; altre volte ancora generatrici di disciplina, stile e tecnica di assoluta precisione dettata dalla volontà di dare ordine ai tratti, alle forme, agli oggetti e alla vita. La ricerca dell’equilibrio anche di quanto è inconsapevolmente generato dal caos-caso.

Esiste un limite tra natura ed artificio, tra natura e cultura, ma non tra arte e architettura o design se queste forme di espressione hanno la stessa matrice.

Mascia è la dimostrazione di come movimenti artistici si avvicinano per volontà o per caso, all’architettura edilizia, urbanistica e di oggetti fruibili nel quotidiano, in un rapporto biunivoco e di interrelazione e contaminazione continua. Mascia artista di forme e scomposizioni geometriche ben definite anche quando scomposte.

Mascia designer, perché l’arte ludica e giocosa tipicamente Madì può avere una funzione anche nel quotidiano.

Serena Mormino, Curatrice 

 

 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Per maggiori dettagli vai qui Privacy Policy. - Navigandolo Accetti.