Daniel Rothbart

 

Daniel Rothbart

USA

Una scultura di vetro e alluminio che sembra spontaneamente scaturire dalle acque del Canale della Giudecca. Così si presenta Air de Venise di Daniel Rothbart, il cui titolo richiama la celebre ampolla d’aria di Parigi che Marcel Duchamp portò a New York come souvenir.

Vero e proprio paesaggio simbolico germinato da quello naturale e architettonico, l’installazione ha come elemento fondante e centrale una bolla di vetro ricavata dalla fusione delle bottiglie di sake usate dai pescatori giapponesi come strumento galleggiante per la pesca; oggetto che, nel riecheggiare la tradizione veneziana della soffiatura del vetro, riassume visivamente tutto ciò che rappresenta Venezia: una “frontiera liquida”, aperta passerella a cerniera fra civiltà.

Le bolle di vetro galleggianti non solo richiamano alla mente la “coppa” come potente simbolo della “scienza sacra” nelle tradizioni più antiche, nella religione ebraica, in quella cristiana e nel pensiero buddhista ma ricordano anche la struttura geometrica astratta dell’albero delle Sephirot, che nella Cabala indica le modalità con cui l’infinito si rivela e continuativamente crea sia il reame fisico sia la catena dei reami metafisici superiori. Le Sephirot vengono rappresentate con forma circolare e collocate lungo tre assi verticali e si collegano tra loro; ciascuna include tutte le altre mediante 22 canali che corrispondono alle 22 lettere dell’alfabeto ebraico.

Lo stesso diagramma sembra all’origine della scultura di Rothbart. Ogni “nodo” nella catena che costituisce Air de Venise rappresenta dunque il punto in cui agiscono le forze che determinano la condensazione e coesione di un “aggregato”, di un legame tra la dimensione immateriale e materiale e tra quest’ultima e le forme. L’opera condensa insomma la visione penetrante che l’artista ha della stratificazione e dell’addensamento della Storia, delle Tradizioni dei luoghi e del simbolismo che è all’origine della forma, del pensiero e del sistema della conoscenza.

Vittoria Broggini, Curatrice 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Per maggiori dettagli vai qui Privacy Policy. - Navigandolo Accetti.