:: University of Applied Arts, Vienna
Benjamin Tomasi

Una doccia è una doccia; è una specie di “gadget” che facilita la vita in modo più o meno ingegnoso: l’acqua scorre sull’uomo sudato e sporco, e ciò non accade senza pressione. Qualcuno predilige la vasca, ma la vasca rallenta l’azione che può essere svolta velocemente nella doccia. La doccia è naturale per ognuno, non si pongono domande alla doccia, tranne se perde, allora è considerata fastidiosa e viene chiamato per esempio un idraulico. La doccia fa parte dell’arredamento d’interni, ma l’artista ne colloca una nella rete dei canali veneziani, dove l’acqua scorre di giorno e di notte dalla doccia artificiale. Nel canale nessuno può fare una doccia. Essa viene tolta dal suo solito ambiente e portata lontana dal luogo al quale “appartiene”, ed ecco che è diventata un oggetto d’esposizione. Anche così esposta funziona, come una fontana assurda nell’acqua sporca, non più purificante.

 

Curatore: Gabriele Rothermann
Testo a cura di Gabriele Rothermann
Con il supporto di: Universität für angewandte Kunst - Wien

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Per maggiori dettagli vai qui Privacy Policy. - Navigandolo Accetti.